Promozione del gioco responsabile: gestione consapevole degli apparecchi automatici di gioco

Obiettivi

Formare il personale operante nelle sale da gioco e gli esercenti di tali attività sui rischi del gioco patologico e sulla rete di sostegno nonché sulla normativa vigente.

Contenuti

Prevenzione del consumo individuale eccessivo di prodotti di gioco lecito in denaro 

  • Normativa di riferimento

Normativa nazionale, regionale e comunale

  • Il gioco lecito in denaro: dalla socialità alla patologia

Il fenomeno del gioco lecito in denaro in Italia e le caratteristiche delle differenti tipologie di gioco

  • Elementi per una relazione efficace con il cliente

Definizione di gioco d’azzardo problematico e indicatori di comportamento problematico

Tecniche di comunicazione e di approccio al cliente, motivazione all’aiuto/bilancia motivazionale (gestione di casi problematici con strategie di problem solving)

  • Caratteristiche degli apparecchi automatici di gioco

Problematiche relative al funzionamento degli apparecchi automatici da Gioco

  • Reti locali dei servizi di aiuto e cura

Reti locali dei servizi di trattamento

Destinatari

L’obbligo formativo riguarda tutti gli esercenti (titolari, legali rappresentanti, preposti) e il personale impiegato assunto a tempo indeterminato (compresi i coadiutori familiari) negli esercizi che detengono apparecchi da gioco che determinano vincite in denaro.

In caso di violazione dell’obbligo di formazione ed aggiornamento di cui all’ articolo 3, comma 1, lettera b) L.R. 9/2016 il comune effettua diffida ad adempiere entro sessanta giorni, anche con l’obbligo di partecipazione alla prima offerta formativa disponibile a far data dall’accertamento. Si applica in ogni caso la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 500,00 a euro 1.500,00 per gli esercenti che gestiscono apparecchi per il gioco di cui all’articolo 110, commi 6 e 7 del r.d. 773/1931 e da euro 2.000,00 a 6.000,00 per i gestori e il personale operante nelle sale da gioco e nelle sale scommesse; in caso di inosservanza della diffida, il comune dispone la chiusura temporanea mediante sigilli degli apparecchi per il gioco di cui all’articolo 110, commi 6 e 7 del r.d. 773/1931 fino all’assolvimento dell’obbligo formativo.

Pre-requisiti

Per i cittadini stranieri ed extracomunitari è richiesta la conoscenza della lingua italiana scritta e orale, valutata dall’ente attuatore con apposito test d’ingresso.

Data inizio: Settembre 2019
Durata: 8 ore
Formula: In Aula
Prezzo: Da definire
Finanziato: No

Torna ai
Corsi Aziendali
Essenzialmente Formazione Scrl - C.so Indipendenza 82 - 10086 Rivarolo Canavese (TO) - P.IVA: 10787780013 - Privacy Policy
design by dsweb.lab